Spedizione Gratuita di qualsiasi importo in tutta Italia
Hai bisogno di aiuto? Chatta con noi!
CARRELLO
Prodotti nel carrello: 0     |   Vedi carrello »
CUCINA
BAGNO
ARREDO
LETTO

giovedì 12 Febbraio 2015 15:27

Batterie: ricaricabili meglio



Batterie ricaricabili

Le pile di tipo alcalino usa e getta costano di più e inquinano. Molto meglio le pile ricaricabili, amiche del nostro ambiente. Ecco i consigli per far durare di più le batterie ricaricabili.

 

Le batterie ricaricabili hanno un impatto ambientale inferiore e fanno risparmiare. Tutte le batteria, in linea di massima chi più chi meno, contengono sostanze pericolose e soprattutto difficili da smaltire. Se non fosse per il numero sempre maggiore di apparecchi elettronici che le richiedono, la scelta più approppriata sarebbe quella di non utilizzarle proprio. Poichè, anche se siamo attenti ad effettuare uno smaltimento accurato, il problema ecologico rimane sempre. E non va di certo sottovalutato.  

In Italia lo smaltimento delle batterie quasi non c'è.

Sono più di trentamila le tonnellate di batterie che vengono vendute in un anno in Italia. Una cifra impressionante, vero? Una cifra che preoccupa ancor di più se se si pensa che purtroppo solo il 25% di questa montagna di pile segue il percorso della raccolta differenziata (dati  numerici raccolti dal "CentroCoordinamentoNazionalePile e Accumulatori).

Attualmente nel nostro poaese non esiste un vero e proprio sistema capillare per il riciclo delle batterie, ma un solo centro che opera su piccola scala. In questo centro le impurezze vengono eliminate in maniera manuale e le pile vengono selezionate in base al tipo e alle dimensioni. Le batterie dello stesso tipo vengono poi triturate in piccoli pezzettini, in modo tale che i diversi componenti si possano separare. Da questa massa triturata si divide il materiale ferroso, la carta, la plastica e la pasta di pile, in modo tale da differenziarle in maniera differente. La pasta di pile viene poi lavata e grazie ad un trattamento particolare di tipo chimico, si riesce a separare e recuperare lo zinco e il manganese.

In generale lo smaltimento delle batterie in Italia non è considerato un processo remunerativo, ecco perchè non ci sono vari centri di raccolta. Molti dei rifiuti derivati da batterie finiscono così in Francia o in Germania. Inoltre nei centri urbani non vi sono molti contenitori per la raccolta delle batterie usate, motivo per il quale molti cittadini buttano le loro batterie nella pattumiera indifferenziata, nonostante contengano metalli pesanti molto dannosi per l'ambiente. 

I metalli pesanti contenuti nelle batterie si accumulano nell'organismo umano e animale provocando seri danni.

Vista l'importanza dello smaltimento delle batterie usate ed esaurite vale la pena ricordare che la raccolta delle batterie usate è affidata ai produttori: in altre parole se si compra una nuova batteria, il consumatore ha il diritto (e dovere) di lasciare la vecchia in negozio. Infatti esiste un decreto legislativo che prevede che i vari produttori di batterie devono gestire, sostenendo i relativi cosi, oltre alla produzione, anche i sistemi di raccolta e di separazione. Nei negozi dove si acquistano le batterie ci deve essere necessariamente il contenitore per la raccolta, che potrà contenere oltre alle batterie normali usate ed esaurite, anche le batterie ricaricabili e le batterie  dei cellulari. 

Preferire batterie usa e getta o ricaricabili?

Considerati tutti gli aspetti negativi che comporta l'utilizzo delle batterie sarebbe preferibile comprarne il meno possibile. Ecco perchè andrebbero preferite le batterie ricaricabili a quelle usa e getta. Per il telecomando della televisione sarebbe più opportuno acquistare delle batterie ricaricabili, le quali anche se meno potenti, tengono testa alle alcaline. Così come anche nelle macchine fotografiche e nei giocattoli. L'unica accortezza che si dovrebbe avere è quella di non utilizzare le ricaricabili in giocattoli che vengono a contatto diretto con la persona, poichè tendono a surriscaldarsi; quindi evitare ad esempio di inserire queste batterie in un peluche che vanno a letto con il bambino. 

 

Qualche consiglio utile per far durare più a lungo le batterie ricaricabili.

 

  • Utilizzare sempre le batterie in gruppi di due o quattro della stessa marca e tipologia, comprate nello stesso momento. In questo modo le batterie saranno sottoposte agli stessi sforzi ed invecchieranno di pari passo.

 

  • Ricaricare le batterie poco prima di utilizzarle. Se le batterie cariche rimangono tanto tempo inutilizzate, tendono a scaricarsi.

 

  • Non portare mai le batterie sfuse all'interno di tasche o borse, poichè se vengono a contatto diretto con altri materiali metallici potrebbero andare in corto circuito.

 

 

 

 

 


Richiedi informazioni

Acconsento al trattamento dei dati personali.

Ebay Store

Non hai ancora avuto modo di conoscerci?
Leggi che cosa ne pensa chi ha già acquistato da noi!

© 2018, Morbiflex di Cascella Giuseppe & C. sas - P.Iva: 04339540728
Privacy - Informativa Cookie